Backup: come salvare i propri dati

0
105

Una breve guida su come fare copie di sicurezza dei vostri dispositivi

Come già anticipato in un altro articolo, domani si celebra il World Backup Day.

La giornata mondiale dedicata al backup, ha il fine di aiutare a non perdere dati importanti, come foto documenti o anche i contatti.

Backup è un termine inglese che indica, appunto, effettuare copia di sicurezza dei propri dati.

Si tratta quindi di una copia di riserva importante qualora dovessimo perdere quelli originali. Ci rendiamo conto, sempre tardi, dell’importanza dei dati persi quando li perdiamo… che siano foto, video o ricordi.

La vita sta assumendo sempre più un contorno digitale, ma sono sempre pochi coloro che li conservano correttamente.

Se prima perdevamo appunti, agende con annessa rubrica, o foto cartacee, era difficile (se non impossibile) averne una copia. Oggi, invece, il processo digitale potrebbe semplificare il tutto e sarebbe l’ideale tramandare le buone abitudini tecnologiche alle nuove generazioni.

Oggi sarebbe difficile lavorare se perdiamo una mail importante, o dei documenti ricevuti tramite posta elettronica.

Ma per tutto questo c’è un rimedio.

Come fare per non perdere i dati

L’ideale sarebbe avere copie di dati in luoghi diversi e lontani.

I più comuni smartphone e tablet hanno la possibilità di effettuare l’archiviazione automatica, attraverso il proprio account. I dispositivi iOS possono fare un backup su iCloud, un server remoto. O, l’alternativa classica, copiare i propri dati tramite iTunes.

Per quelli Android, invece, mediante la piattaforma di Google.

Esistono anche dei piani di archiviazione a pagamento qualora vogliate uno spazio (in GB) maggiore.

Per i computer ci sono sistemi simili. E’ il caso di Apple che, come per gli smartphone, permette di salvare anche i propri dati del computer su cloud. Esiste anche l’altra alternativa chiamata Time Machine: basterà attaccare al computer una periferica di archiviazione esterna (come un comuneHard disk esterno) per eseguire un backup automatico. E ripristinare tutto con maggiore facilità in caso di bisogno.

Anche Windows 10 non è da meno: all’interno del sistema operativo è prevista la possibilità di salvare e ripristinare i dati.