Gaming Online: i consigli di Panda per difendere dati e finanze

0
25

In questi giorni il Lucca Comics & Games richiama l’attenzione degli appassionati sulle ultime novità e tendenze del settore videoludico. I costanti progressi nella velocità di connessione a Internet hanno permesso di rivoluzionare la dinamica del gaming spingendo gli utenti a voler dimostrare le proprie capacità, confrontandosi con giocatori provenienti da tutto il mondo. Questo nuovo trend, fruito nella modalità multigiocatore online collegandosi a server comuni, ha creato le condizioni per i cybercriminali di attaccare un numero sempre maggiore di giocatori.

L’industria del gaming è infatti molto appetibile per i malintenzionati: vale oggi 152,1 miliardi di dollari, con un incremento del 9,6% rispetto all’anno precedente. In particolare, il settore del gaming online è in rapida crescita, grazie ai giochi dei social media, i mobile game per gli smartphone, i free-to-play e pay-to-play. Questi ultimi hanno generato un fatturato complessivo di circa 31 miliardi di dollari[1]. Guardando il volume di dati del solo traffico globale di gioco online, da 126 petabyte nel 2016 si stima che si arriverà a ben 568 petabyte nel 2020.[2]

In ogni caso, la percentuale maggiore di profitti non deriva dall’acquisto dei giochi ma dalle spese effettuate all’interno degli stessi per ottenere espansioni, pacchetti e servizi accessori al gioco stesso. Questo implica che gli utenti colleghino i propri account a metodi di pagamento come carta di credito o conto correnti bancari, fornendo oltre a questi anche altri dati sensibili. I gamers ripongono fiducia nei brand, nei server e nelle piattaforme, ma è innegabile che questo concorra ad esporli maggiormente al rischio di furto dati.

Nel report firmato da Akamai Tecnologies, “State of the Internet, Security Web Attacks and Gaming Abuse 2019″ sono stati conteggiati 55 miliardi di furti di credenziali in tutti i settori industriali, mentre la rivista Security Magazine ha stimato nel rapporto “Midyear Quickview Data Breach Report from Risk Based Security del 2019”, un aumento delle violazioni di dati legati ad account gaming del 54% a metà del 2019.

Uno degli attacchi più comuni contro i giochi online è rappresentato dagli attacchi DDOS (distributed denial of service) attraverso cui i cybercriminali hanno colpito i server di piattaforme come Playstation Network, Xbox Live, Twitch e Origin, rubando migliaia di credenziali di accesso di account e carte di credito.

Uno scenario che necessita fortemente di prendere precauzioni quando si vuole giocare online.

Per questo Panda Security indica alcuni semplici passi per evitare problemi qualora le tue piattaforme di gioco dovessero essere prese di mira.

  • Utilizzare dati di account non personali

La creazione di un indirizzo mail dedicato al gaming o monouso protegge da qualunque violazione il principale account personale, così come l’utilizzo di nuove password.

  • Riservatezza sui propri dati personali

Mai comunicare a terzi o ad altri giocatori online i dati relativi ad account personali.

  • Proteggere il tuo account gaming e/o di store

Se possibile, abilitare l’autenticazione a due fattori ad ogni login. Finito di giocare effettuare il logout.

  • Proteggere carte di credito e conti personali

Si consiglia utilizzare carte prepagate o buoni per l’acquisto online invece di altre credenziali.

  • Non cadere in provocazione o rispondere a cyberbullying

Esiste la possibilità che dietro provocazioni o cyberbullismo nei giochi online si celi un malware o una diversa minaccia. Segnalare qualunque comportamento allo sviluppatore del gioco e al team di supporto.

  • Acquistare da negozi online certificati

Effettuare acquisti da fornitori affermati e di fiducia così da ridurre il rischio di cadere preda di truffatori o malware, spyware, virus e minacce di ransomware.

  • Evitare download, mods o link non affidabili

Non scaricare software da estranei, soprattutto mods, cheat o script e programmi di automazione, potrebbero essere veicolo di spyware o malware.

  • Evitare di giocare sul Wi-Fi pubblico

La connessione Wi-Fi gratuita potrebbe essere un falso hotspot per intercettare i dati di altri utenti

  • Mantenere il tuo software aggiornato

Mantenere sempre aggiornato il software del dispositivo. Il consiglio non è rivolto al solo sistema operativo, ma ad ogni software installato, anche i giochi stessi. Sviluppatori e produttori di hardware forniscono regolarmente aggiornamenti software per correggere le vulnerabilità che altrimenti potrebbero essere utilizzate dagli aggressori per infiltrarsi nel vostro sistema.

Pochi semplici accorgimenti consentono quindi di godere a pieno il gioco del titolo preferito, sfidando gli altri gamer ma essendo sicuri di non vedere sottratti i propri dati personali o, nello scenario peggiore, di ritrovarsi il conto corrente svuotato.